Pastorale Giovanile Francescana

  giovaniefrati@cappuccinitriveneto.it

L'INIZIAZIONE ALLA NOTRA VITA

QUARTA TAPPA: IL POST-NOVIZIATO

POST-NOVIZIATO

Image
La morte di Gesù sulla croce (Gv 19,30) ci insegna che solo chi si dona totalmente è capace di amare fino all’estremo.

La croce è icona di gratuità, disponibilità e offerta di sé. È scuola del senso della vita, dove impariamo che il chicco di grano, quando cade e muore, produce molto frutto (Gv 12,24).

Nella croce Francesco scoprì la povertà e la nudità di Gesù e concepì nella propria vita il tentativo di vivere in modo sempre più povero e nudo. Il postnoviziato, ultimo stadio della formazione iniziale, deve servire ai fratelli a configurare la loro vita a quella del Maestro.

NATURA

Il postnoviziato, che comincia con la professione temporanea e si conclude con la professione perpetua, è la terza parte dell’iniziazione. In questo periodo i frati camminano verso una maggiore maturità e si preparano alla scelta definitiva della vita evangelica nel nostro Ordine (Cost 32,1).
L’itinerario formativo del postnoviziato deve essere lo stesso per tutti i frati in ragione del suo essenziale riferimento alla consacrazione religiosa e alla professione perpetua.
E poiché nella nostra vocazione la vita evangelica fraterna occupa il primo posto,
anche durante questo periodo le deve essere data la priorità (Cost 32,2).

OBIETTIVI DI QUESTA TAPPA

- Vivere la libertà e il dono di sé su cui si fonda la consacrazione religiosa.

- Consolidare la comunicazione, la conoscenza reciproca, la trasparenza nelle relazioni e la corresponsabilità fraterna.

- Testimoniare la solidarietà, la giustizia e la verità accanto a quelli che soffrono.

LE DIMENSIONI

Dimensione spirituale:
  • Consolidare la centralità della consacrazione della propria vita;
  • Scoprire nella preghiera e nella Parola l’azione costante dello Spirito;Vivere in una sana tensione l’equilibrio fra azione e contemplazione.
Dimensione umana:
  • Rafforzare una struttura affettiva che favorisca l’interdipendenza e aiuti a superare l’individualismo;
  • Integrare, basandosi sull’accompagnamento, le esigenze spirituali, fisiche, intellettuali e affettive;
  • Programmare il tempo in un sano equilibrio fra le necessità personali, quelle comunitarie e il servizio ai poveri.
Dimensione intellettuale:
  • Consolidare un giudizio critico, aperto ed evangelico;
  • Approfondire lo studio della Sacra Scrittura, della teologia, della liturgia, della storia e della spiritualità dell’Ordine. Tutti i frati, indipendentemente dalla scelta clericale o laicale, devono ricevere le basi sufficienti per poter dare solido fondamento alla propria vita di consacrazione e di servizio;
  • Acquisire una conoscenza sufficiente della storia dell’Ordine e della propria Circoscrizione.
Dimensione missionaria-pastorale:
  • Imparare a programmare e valutare in fraternità gli impegni pastorali;  vivere esperienze di missione in situazioni di frontiera;  cercare l’equilibrio fra l’azione, la vita spirituale, la vita fraterna e lo studio.
Dimensione carismatica:
  • Consolidare la sequela di Cristo, affrontando anche le difficoltà;
  • Costruire un’identità carismatica senza incrinature, configurando la propria vita a quella del Maestro;
  • Rileggere la realtà a partire dal mistero della croce, dove l’amore si concretizza nella libertà, nell’espropriazione di sé e nel dono.

ALTRI TEMI RIGUARD ALLA FORMAZIONE

Il lavoro:
il postnoviziato è il tempo adatto per conoscere e fare esperienza delle diverse forme di lavoro possibili nell’Ordine. Il criterio ultimo del discernimento non può essere né l’autorealizzazione né le urgenze istituzionali, ma la volontà di Dio Padre (JöhriRav 9; VIII CPO 11).

L’economia:
devono essere consolidati i criteri per l’uso trasparente ed etico dei nostri beni, vivendo la solidarietà fra di noi e con i poveri, il consumo responsabile e un’economia attenta al sociale. È auspicabile che i postnovizi partecipino all’elaborazione del bilancio della fraternità (Economia 19).

Giustizia, pace ed ecologia:
con uno stile di vita semplice i postnovizi si devono esercitare nel dialogo, nel rispetto e nella stima della diversità. L’amore per Cristo deve tradursi nel desiderio di costruire la pace e abbracciare la causa del Regno a favore dei poveri (Giustizia 63-66).

Mezzi di comunicazione e nuove tecnologie:
si favorisca un senso critico per un uso adeguato dei mezzi di comunicazione. È conveniente organizzare corsi e seminari specifici, l’elaborazione di direttive normative nei diversi contesti culturali e la possibilità di creare e gestire risorse pastorali e di evangelizzazione attraverso le nuove tecnologie (V CPO 58; RFund 182).

CRITERI DI DISCERNIMENTO

Alcuni dei criteri sulla idoneità alla professione perpetua:
  • Capacità di assumere un impegno definitivo e di vivere i consigli evangelici;
  • Maturità affettiva;
  • Esperienza personale di Dio e vita di preghiera;
  • Iniziativa personale e responsabilità della propria vita religiosa;  capacità di vivere e di lavorare in fraternità;
  • Servizio agli altri, specialmente ai più poveri;
  • Senso della giustizia, della pace e del rispetto del creato;
  • Sufficiente libertà interiore e pratica della povertà;
  • Senso di appartenenza alla fraternità, all’Ordine e alla Chiesa.

CREARE LEGAMI CHE SI COSTRUISCONO CON GESTI SEMPLICI. Papa Francesco, Cristus Vivit, 217

Image

"Il Battesimo permette a Cristo di vivere in noi e a noi di vivere uniti a Lui, per collaborare nella Chiesa, ciascuno secondo la propria condizione, alla trasformazione del mondo. Ricevuto una sola volta, il lavacro battesimale illumina tutta la nostra vita".
Papa Francesco

Image
Image
Image
Image

© 2019/21 Provincia Veneta dei Frati Minori Cappuccini Via Cappuccina 1 30172 - Mestre (VE) - IT Codice Fiscale: 00587460270 by Pastorello's Sales & Marketing Solutions - Login

Press enter to search
Press enter to search