Pastorale Giovanile Francescana

  giovaniefrati@cappuccinitriveneto.it

L'INIZIAZIONE ALLA NOTRA VITA

QUARTA TAPPA: IL POST-NOVIZIATO

POST-NOVIZIATO

Image
La morte di Gesù sulla croce (Gv 19,30) ci insegna che solo chi si dona totalmente è capace di amare fino all’estremo.

La croce è icona di gratuità, disponibilità e offerta di sé. È scuola del senso della vita, dove impariamo che il chicco di grano, quando cade e muore, produce molto frutto (Gv 12,24).

Nella croce Francesco scoprì la povertà e la nudità di Gesù e concepì nella propria vita il tentativo di vivere in modo sempre più povero e nudo. Il postnoviziato, ultimo stadio della formazione iniziale, deve servire ai fratelli a configurare la loro vita a quella del Maestro.

NATURA

Il postnoviziato, che comincia con la professione temporanea e si conclude con la professione perpetua, è la terza parte dell’iniziazione. In questo periodo i frati camminano verso una maggiore maturità e si preparano alla scelta definitiva della vita evangelica nel nostro Ordine (Cost 32,1).
L’itinerario formativo del postnoviziato deve essere lo stesso per tutti i frati in ragione del suo essenziale riferimento alla consacrazione religiosa e alla professione perpetua.
E poiché nella nostra vocazione la vita evangelica fraterna occupa il primo posto,
anche durante questo periodo le deve essere data la priorità (Cost 32,2).

OBIETTIVI DI QUESTA TAPPA

- Vivere la libertà e il dono di sé su cui si fonda la consacrazione religiosa.

- Consolidare la comunicazione, la conoscenza reciproca, la trasparenza nelle relazioni e la corresponsabilità fraterna.

- Testimoniare la solidarietà, la giustizia e la verità accanto a quelli che soffrono.

LE DIMENSIONI

Dimensione spirituale:
  • Consolidare la centralità della consacrazione della propria vita;
  • Scoprire nella preghiera e nella Parola l’azione costante dello Spirito;Vivere in una sana tensione l’equilibrio fra azione e contemplazione.
Dimensione umana:
  • Rafforzare una struttura affettiva che favorisca l’interdipendenza e aiuti a superare l’individualismo;
  • Integrare, basandosi sull’accompagnamento, le esigenze spirituali, fisiche, intellettuali e affettive;
  • Programmare il tempo in un sano equilibrio fra le necessità personali, quelle comunitarie e il servizio ai poveri.
Dimensione intellettuale:
  • Consolidare un giudizio critico, aperto ed evangelico;
  • Approfondire lo studio della Sacra Scrittura, della teologia, della liturgia, della storia e della spiritualità dell’Ordine. Tutti i frati, indipendentemente dalla scelta clericale o laicale, devono ricevere le basi sufficienti per poter dare solido fondamento alla propria vita di consacrazione e di servizio;
  • Acquisire una conoscenza sufficiente della storia dell’Ordine e della propria Circoscrizione.
Dimensione missionaria-pastorale:
  • Imparare a programmare e valutare in fraternità gli impegni pastorali;  vivere esperienze di missione in situazioni di frontiera;  cercare l’equilibrio fra l’azione, la vita spirituale, la vita fraterna e lo studio.
Dimensione carismatica:
  • Consolidare la sequela di Cristo, affrontando anche le difficoltà;
  • Costruire un’identità carismatica senza incrinature, configurando la propria vita a quella del Maestro;
  • Rileggere la realtà a partire dal mistero della croce, dove l’amore si concretizza nella libertà, nell’espropriazione di sé e nel dono.

ALTRI TEMI RIGUARD ALLA FORMAZIONE

Il lavoro:
il postnoviziato è il tempo adatto per conoscere e fare esperienza delle diverse forme di lavoro possibili nell’Ordine. Il criterio ultimo del discernimento non può essere né l’autorealizzazione né le urgenze istituzionali, ma la volontà di Dio Padre (JöhriRav 9; VIII CPO 11).

L’economia:
devono essere consolidati i criteri per l’uso trasparente ed etico dei nostri beni, vivendo la solidarietà fra di noi e con i poveri, il consumo responsabile e un’economia attenta al sociale. È auspicabile che i postnovizi partecipino all’elaborazione del bilancio della fraternità (Economia 19).

Giustizia, pace ed ecologia:
con uno stile di vita semplice i postnovizi si devono esercitare nel dialogo, nel rispetto e nella stima della diversità. L’amore per Cristo deve tradursi nel desiderio di costruire la pace e abbracciare la causa del Regno a favore dei poveri (Giustizia 63-66).

Mezzi di comunicazione e nuove tecnologie:
si favorisca un senso critico per un uso adeguato dei mezzi di comunicazione. È conveniente organizzare corsi e seminari specifici, l’elaborazione di direttive normative nei diversi contesti culturali e la possibilità di creare e gestire risorse pastorali e di evangelizzazione attraverso le nuove tecnologie (V CPO 58; RFund 182).

CRITERI DI DISCERNIMENTO

Alcuni dei criteri sulla idoneità alla professione perpetua:
  • Capacità di assumere un impegno definitivo e di vivere i consigli evangelici;
  • Maturità affettiva;
  • Esperienza personale di Dio e vita di preghiera;
  • Iniziativa personale e responsabilità della propria vita religiosa;  capacità di vivere e di lavorare in fraternità;
  • Servizio agli altri, specialmente ai più poveri;
  • Senso della giustizia, della pace e del rispetto del creato;
  • Sufficiente libertà interiore e pratica della povertà;
  • Senso di appartenenza alla fraternità, all’Ordine e alla Chiesa.

CREARE LEGAMI CHE SI COSTRUISCONO CON GESTI SEMPLICI. Papa Francesco, Cristus Vivit, 217

Image

"Il Battesimo permette a Cristo di vivere in noi e a noi di vivere uniti a Lui, per collaborare nella Chiesa, ciascuno secondo la propria condizione, alla trasformazione del mondo. Ricevuto una sola volta, il lavacro battesimale illumina tutta la nostra vita".
Papa Francesco

© 2019/21 Provincia Veneta dei Frati Minori Cappuccini Via Cappuccina 1 30172 - Mestre (VE) - IT Codice Fiscale: 00587460270 by Pastorello's Sales & Marketing Solutions - Login

Press enter to search
Press enter to search